Il sistema per esaudire i desideri in 7 passi



Il sistema per esaudire i desideri in 7 passi


Dalla fantasia alla realtà.

Scopri:
  • i 7 passi per esaudire i tuoi desideri
  • l’importanza della fantasia
  • Quando fa capolino il “boicottatore” che è in ciascuno di noi
  • La pianificazione in 3 tempi
  • Il primo passo concreto: è controintuitivo
  • E molto altro

Sei pronta/o a desiderare?

Non c’è realizzazione dell’uomo che prima non sia passata per la sua fantasia. Ad esempio se qualcuno (sicuramente ritenuto pazzo) non avesse desiderato volare oggi non esisterebbero macchine per volare.

Chi si sarebbe mai messo a realizzare: aerei, mongolfiere, alianti, elicotteri,
eccetera, se non avesse prima desiderato realizzare qualcosa del genere?

Quindi il primo passo è lasciare ampio sfogo alla fantasia! Poi con pochi passi vediamo come fare per trasformarli in realtà.

Questo esercizio è molto potente se fatto con determinazione specie in momenti della vita che sono un po’ dei “giri di boa” come ad esempio il capodanno, o il rientro dalle ferie o i cambi di stagione, ma anche dei momenti in cui sentiamo forte la voglia di un cambiamento (in meglio) e siamo determinati a volerlo raggiungere.

Quindi prima di svelare i 7 passi lasciami dire che un ingrediente fondamentale per passare dalla teoria alla pratica è la determinazione (ma ci arriviamo) io ad esempio talvolta mi lascio prendere dalla pigrizia e dai dubbi, per fortuna di carattere sono un po’ “mulo” e anche un po’ “de coccio” (come si dice da queste parti) e questo mi aiuta a realizzare i miei più alti desideri.

Ma vediamo i passi che puoi fare

Passo  1. Desidera

Prendi un foglio di carta e una penna e comincia a scrivere. Immagina di essere a capodanno: stai lasciando alle spalle il vecchio e ti appresti al nuovo anno: cosa vuoi profondamente per te? (è più efficace se quello che desideri, una volta ottenuto, può essere di aiuto anche ad altri).

Poniti questa domanda e scrivi.
Scrivi tante cose, minimo, minimo 10 ma scrivine una ventina. (se vuoi una mano per orientare meglio i tuoi desideri guarda qua: Vivere un vita più intensa, felice e realizzata).

Vai a briglia sciolta, quando hai fatto fai una breve pausa e ricomincia: scrivi ancora. (durante la pausa puoi guardarti questo articolo: Capire come colmare i BISOGNI con la Piramide di Maslow o quest’altro: Come uscire dal tunnel, la piramide dei bisogni e la Meditazione per Indaffarati, potranno ispirarti nuovamente)

Ok, fino a adesso abbiamo fatto una “tempesta di idee” è così che si chiama questa pratica di dare spazio alla parte più creativa del nostro cervello (l’emisfero destro): “tempesta di idee” in inglese “Brainstorming”.

Adesso mettiamo ordine in questa tempesta (ed usiamo l’emisfero sinistro, quello che riorganizza) e scegli:

Passo  2. Scegli

Come puoi scegliere? Qual’ è tra quelle l’idea per te prioritaria? Non quella che gli altri si aspettano da te, ma quella che tu ritieni più importante.

Attenzione ho detto importante: non ho detto urgente. (qui mi tappo la bocca sennò starei ore a parlarti di questa “trappola delle urgenze” semmai lo facciamo un’altra volta)

Fai una lista delle 3 più importanti, la selezione la puoi fare col trucco della valigia:

Immagina di dovere fare una valigia e di volere portare con te solo alcune cose e le altre le devi lasciare perché non entrano: confronta le due idee, i due desideri, e scegli dicendoti: “quale tra queste due lascio qui e quale mi porto appresso?”

Alla fine avrai più chiaro il tuo desiderio primario: “Il Desiderio”. Adesso vediamo cosa farci:

Passo  3 “la mappa del desiderio”

Adesso facciamo un piccolo piano su cui costruire le nostre azioni.

Un piano nel tempo: a lungo, medio e breve termine.

Attenzione, saltare questo passaggio o prendere sotto gamba questo e i passaggi successivi significa potenzialmente rimandare all’infinito il tuo desiderio.

È il “boicottatore” in azione perché dalla fantasia ci stiamo spostando sulla vita pratica! Riconoscilo, salutalo e vai avanti!!!

a)   Sul foglio di carta scrivi come sarà la tua vita (proprio la tua giornata tipo) quando avrai raggiunto il tuo desiderio. Ovviamente è a lungo termine quindi molto molto vicino ad una idea fantasiosa. Può essere utile mettere una data (mesi o anni)

b)   Adesso pensa a quale passo (o passi) intermedi, tra la tua vita di adesso e quella immaginata dovrai realizzare prima di arrivare a quel punto e scrivi, il tuo piano a medio termine ed immagina cosa potresti avere realizzato in quel medio termine.

c)   Perfetto adesso passiamo al breve termine. Quali sono i passi necessari (i primi mattoncini) da fare da adesso?


Passo  4 “costruire il desiderio”

“un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo” (Lao-Tzu)

Qual’è la prima azione utile per raggiungere il tuo obiettivo?

A esempio vuoi fare il giro del mondo e stai in mutande in poltrona davanti alla televisione? É inutile pensare a quando starai con la bibita in mano in una spiaggia tropicale, quello lo hai già fatto nella fantasia, adesso puoi partire dal “qui ed ora” quindi se stai davanti la tv il primo passo è: spegnere la tv, vestirti, e magari andare in agenzia di viaggio.

O andare a cercare un lavoro per guadagnarti il biglietto.. Insomma pensa alla prima piccola e concreta azione da fare e:

Passo  5 “Agisci”

Hai pensato ad una azione? Ad esempio comprare il biglietto?

Ebbene la prima cosa da fare non è quella! La prima azione che da subito puoi fare... è... mettilo in agenda.

Prendi la tua agenda e scrivi quando farai quell’azione: giorno ed ora!

Non si tratta quindi di comprare un biglietto adesso che stai davanti ad un pc perché finiresti per rimandare, ma l’azione che puoi fare subito è decidere adesso, in questo istante QUANDO comprare il biglietto.

Questa prima “azione” è una vera e propria azione concreta verso la realizzazione del tuo Desiderio

Passo  6 “operativi”

Arrivato a quel giorno della tua agenda: fai quella azione!

Fallo, non rimandare. Se proprio non ti riesce scegli un altro giorno e se rimandi troppo, dividi quell’azione in passi ancora più semplici da realizzare.

Quindi Vai! Complimenti sei più vicino al tuo desiderio! E sei già in cammino!

Passo  7 “Salto degli ostacoli” (valutazioni e ri-pianificazione)

Quando intraprendiamo un cammino, specie se è lungo, la vita ci offre molti ostacoli. (già è molto generosa di ostacoli: scommetto che te ne sei accorta/o)

Se rimanessimo imprigionati rigidamente dai nostri schemi questi ostacoli rimarrebbero solo degli “ostacoli” fastidiosi e possono levarci energie e motivazione, fino a fermare il nostro cammino -dando conferme al boicottatore che è in noi, lo stesso che ci frenava dal passare dalla teoria alla pratica.

Con il desiderio ben in mente cerchiamo di fare tesoro di questi “ostacoli” e trasformiamoli in opportunità: deviazioni che ci offrono panorami diversi da quelli immaginati, e un rinforzo in esperienza.

Talvolta tra la nostra fantasia e la realtà scopriamo che sono necessari passaggi che con la sola teoria non avremmo immaginato: Eccoli quindi gli ostacoli. “Semplici” imprevisti.

Prepariamo la nostra mente ad accoglierli, non rimaniamo rigidi ai nostri schemi ma alla motivazione più profonda che ci ha spinto a pensare al nostro desiderio e andiamo avanti. (questo sarà tanto più facile quanto il desiderio pensato potrà essere di beneficio a te ed anche ad altri)

Riadattiamoci alla nuova realtà offertaci dall’ostacolo e andiamo avanti.

Nota bene se parliamo di ostacoli vuol dire che sono “reali” è una testimonianza di come siamo passati effettivamente dalla fantasia alla realtà. È il segno distintivo che il tuo cammino verso la realizzazione del tuo Desiderio è concreto e “in essere” a tutti gli effetti: complimenti!

Dalla fantasia alla realtà

"E' l'azione, non il frutto dell'azione, ciò che è importante. Devi fare la cosa giusta. Potrà non essere in tuo potere; potrà non avvenire nella tua epoca, che vi sia qualche frutto. Ma questo non significa che tu debba smettere di fare la cosa giusta. Potrai non sapere mai quali risultati derivano dalla tua azione. Ma se non fai niente, non vi sarà alcun risultato."
GANDHI

“Tutto è una sola cosa. E quando tu desideri qualcosa, tutto l'Universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio.”
Coelho

Ricapitolando ecco i 7 passi:

Passo  1. Desidera
cosa vuoi profondamente per te?

Passo  2. Scegli
Qual’ è tra quelle l’idea per te prioritaria?

Passo  3 “la mappa del desiderio”
Un piano nel tempo: a lungo, medio e breve termine.

Passo  4 “costruire il desiderio”
Qual’è la prima azione utile per raggiungere il tuo obiettivo?

Passo  5 “Agisci”
Prendi la tua agenda e scrivi quando farai quell’azione: giorno ed ora!

Passo  6 “operativi”
fai quella azione!

Passo  7 “Salto degli ostacoli”
Prepariamo la nostra mente ad accogliere le difficoltà e trasformarle in opportunità

Ps
Dimenticavo... Io ho realizzato il “Desiderio” e questo Blog è un effetto di questa realizzazione, quindi: funziona!!

Pps
Se anche hai il desiderio di ottenere i benefici della meditazione stabili nel tempo, tieni d’occhi le email in questi giorni di passaggio dal 2013 al 2014 (quindi assicurati di essere nella mailing list di FeliceAdesso o Comemeditare inserendo il tuo nome ed email nel box in alto a destra)

Image: freedigitalphotos.net Businessman Go To Success" by chanpipat





12 commenti:

  1. Penso al mio lavoro che mi fa schifo. Penso ai 7 passi e al lavoro che vorrei. E poi mi chiedo: chi me lo paga il mutuo? Come faccio a garantire alla mia famiglia e alle mie bimbe quel poco che riesco, com fatica, a garantire adesso? É questo il sabotatore? Non penso....Penso sia solo il raziocinio. E intanto continuo a reperimento e a passare ore a fare una cosa che proprio mi fa schifo.....

    RispondiElimina
  2. ciao quello che scrivi mi arriva molto forte e mi colma di dolore e di tristezza. Anche io ho un figlio e questo mi fa sentire più responsabile ancora in termini economici.

    Allo stesso tempo leggendoti mi immagino come questo dolore sembra quasi reprimere la sola fantasia, il solo desiderare qualcosa di diverso.

    Se quello che fai ti fa schifo almeno col pensiero con la fantasia puoi spaziare: nulla si costruisce che non sia passato prima per la fantasia.

    Non sto dicendo affatto di lasciare il tuo lavoro. Sto dicendo che è possibile fare un passetto alla volta ed andare oltre, iniziando solo con l'immaginazione e poi, un poco alla volta...

    Lo dico perche io ho lasciato un lavoro che per fortuna non mi dispiaceva: il produttore teatrale, ma non l'ho laciato dall'oggi al domani, piano piano dedicavo del tempo (prima poco poi sempre di più) ad garantirmi delle entrate in modo anche diverso

    Certo con dei figli è il lavoro il tempo è quello che è.. ma a furia di orientare il pensiero le occasioni si presentano e a me è cambiata la vita

    Ma questo riguarda me.

    Tornando a te al momento posso solo empatizzare col tuo dolore e "abbracciarti" virtualmente e augurarti di cuore ogni bene

    RispondiElimina
  3. Il mio desiderio riguarda l'amore... Il trovarlo e non credo dipenda da una mia azione perché o lo trovi o non lo trovi a prescindere da ciò che fai...
    Come si può fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensaci: da una parte dici che non credi dipenda da una tua azione e dall'altra ti chiedi cosa puoi fare..
      Come fai a fare una azione se sei convinta che non dipenda da te?

      Impossibile: non ci riusciresti!

      Siamo interconnessi, non possiamo controllare le azioni degli altri ma le nostre si.
      Possiamo fare di tutto? No. Ma sapendo cosa possiamo fare si aprono infinite possibilità..

      ti consiglio caldamente questo articolo sulle cose che puoi fare tu:
      http://www.feliceadesso.com/2012/02/e-tutta-fortuna-locus-of-control.html

      Elimina
  4. Ma funziona??la verità ...e un desiderio riguardo lamicizia

    RispondiElimina
  5. Salve. La realizzazione e dei miei desideri passa ahimè da complicate azioni legali che i diversi avvocati sentiti mi danno non solo come complesse ma anche di dubbio risultato. Ora farò i passi che ha elencato. In più grandissimo desiderio è il superamento della precarietà esistenziale che da sempre mi accompagna e che ira si unisce all'assenza di lavoro. Ora mi chiedo come faccio a portare avanti il mio desiderio se è collegato ad altri? Ossia voglio un lavoro e una casa mia ma senza compiere azioni legali non posso ottenere di prendere un mutuo e comprare casa.....ma Enza lavoro non pago avvocati e quindi non avvio le azioni indispensabili per realizzare i miei desideri....insomma un cane che si morde la coda.... come ne esco? Sognando una vincita????? Come si fa quando i desideri sono così contigenti e complessi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Mia, quando siamo fuori da un problema e lo vediamo negli altri tutto ci appare facile: molto più difficile è starci dentro.

      Vorrei dirti delle cose, vedendoti dal di fuori, anzi, lo faccio, ma immagino che standoci dentro potresti avere delle difficoltà ad accoglierle e ti potresti sentire non compresa: a me succederre proprio così se fossi al tuo posto.

      Tuttavia mi fai delle domande dirette e sento di poterti rispondere: per piacere accoglile come possibili, anche se in questo momento non le sentissi adeguate al tuo stato d'animo, magari possono lavorare dentro te nei giorni seguenti.

      c'è un detto che amo molto:

      "se un problema ha una soluzione, non è un problema. Se un problema NON ha una soluzione, non è un problema..."

      Gli altri fanno il loro e noi facciamo il nostro: non possiamo modificare gli altri (non direttamente) ma possiamo cambiare qualcosa in noi.

      Se focalizzi l'attenzione sugli altri non troverai soluzioni, ma se ti chiedi cosa puoi farci tu in quel contesto: tutto cambia.

      forse potrebbero interessarti questi due articoli:
      http://www.feliceadesso.com/search/label/Locus%20of%20Control

      spero di esserti stato di aiuto, anche se immagino che in questo momento tu ti possa sentire ferita.

      che tu sia felice
      Claudio

      Elimina
  6. Carlotta io ho tanti desideri ma uno particolare vorrei trovare fuori dalla porta un scatòlòne pieno di gratta vinci

    RispondiElimina
  7. Ciao Claudio :) Mi piacerebbe sentire il tuo parere sulla "trappola delle urgenze"! Concordo su tutto quello che hai scritto e mi rendo conto di attuare ognuno dei passi che hai consigliato in ogni occasione della mia vita, rendendola interessante e piacevole. Purtroppo "le urgenze" sono la mia unica dannazione e per urgenze intendo:bollette da pagare, affitto e conti vari. Quanto potrei essere più felice se queste urgenze non fossero più così urgenti!!! :)

    RispondiElimina
  8. Ciao , anche io un bel desiderio cè lò solo che non va d'accordo con quello di mio marito e non sò come uscirne, io voglio una bella villetta e lui un appartamento in città che fare??, come impostare il desiderio??adry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Adry questo sistema funziona per i tuoi desideri ovviamenti.

      Mettere in relazioni i desideri tuoi con quelli di un'altro è un'altro tipo di lavoro.

      Personalmente eviterei compromessi che non acontentano nessuno dei due..

      consiglio piuttosto di capire cosa c'è dietro al desiderio: quale esperienza si vuole.

      Ad esempio potresti scoprire che dietro alla villetta c'è il desiderio di pace, verde e tranquillità, mentre dietro alla citttà il desiderio di essere vicino a negozi, teatri, eccetera: in questo caso una casa in una zona verde della città potrebbe rendere felice entrambi.

      ma è un attento lavoro di comprensione e necessita di aperture e comprensioni reciproche

      Elimina